Brama

Labia prominente d’ardore

Tremula carne d’impeto

Riverbera il dormiente patema

Che rinasce dal buio

Come vas esplode al calore

Senza freno alcuno

 

(Gianni Di Milia)