M’arrendo

Notte d’incanto rapita nel ventre di un pianoro

Odore carnale

Impeto di materia

Stelle luminescenti mi guidano verso il fato 

e sul mio letto di pena

mi arrendo ad un pensiero

 

(Gianni Di Milia)