Mattino

Ho bussato alla porta della speranza

smorzata prima e poi morta per sempre

Ho bussato all’angoscia ch’è dentro me

melmosa e funerea

pensando di ritrovare il linguaggio del sorriso perduto

Attendo il mattino radioso

come un campo ammantato di brina

 

(Gianni Di Milia)