Rivo

La mia vita scorre nel suo alveo antico

privo d’argini artefatti

s’insinua negli anfratti del mio letto

gorgheggia e ritorna

deperisce e rallenta

acquietandosi nell’abbraccio del suo pelago

 

(Gianni Di Milia)